Image
9 Luglio, 2024
 / 
massi
 / 

Arriva il contributo Mimit per il marchio IGP: 3 milioni di euro per valorizzare i prodotti industriali e artigianali tipici

Buone notizie per le imprese italiane che producono beni artigianali e industriali tipici: il Ministero delle Imprese e del Made in Italy ha stanziato 3 milioni di euro per facilitare l’accesso alla nuova tutela europea delle Indicazioni Geografiche Protette (IGP).

Con Decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il Ministro Adolfo Urso ha definito, di concerto con il MEF, le modalità per ottenere un contributo, concesso nella misura dell’80%, fino a 30.000 euro a copertura delle spese per la predisposizione del disciplinare di produzione, requisito necessario a partire dal 1° dicembre 2025 per richiedere il marchio IGP. Il Decreto attua le previsioni dell’art. 46 della Legge sul Made in Italy (Legge n. 206/2023).

Un’occasione per valorizzare le eccellenze italiane
L’obiettivo è quello di valorizzare le produzioni tipiche del territorio italiano e di promuoverle a livello internazionale. L’ottenimento del marchio IGP rappresenta infatti un importante riconoscimento di qualità e unicità, che può dare un notevole impulso alla competitività delle imprese sui mercati nazionali ed esteri.

Come richiedere il contributo
Il contributo sarà erogato alle associazioni di produttori che sostengono spese di consulenza tecnica per la predisposizione del disciplinare di produzione. Le domande potranno essere presentate secondo modalità e termini che saranno definiti con successivo decreto del Direttore Generale per la Proprietà Industriale.

Un passo avanti per il Made in Italy
L’iniziativa rappresenta un passo avanti concreto per il sostegno al Made in Italy, uno strumento volto a favorire l’accesso alla nuova tutela europea in materia di indicazioni geografiche protette e per la tutela delle produzioni tipiche italiane. Con l’ottenimento del marchio IGP, le imprese potranno infatti rafforzare la propria identità e distintività, offrendo ai consumatori prodotti di qualità garantita e legata al territorio.

Leggi il Decreto per maggiori informazioni